PRO PARK 2015 lungo - Master Beta

Vai ai contenuti

Menu principale:

PRO PARK 2015 lungo


 


 
 

17 Giugno 2015


Masters Beta 2015  Pro Park 14 Giugno
commento completo e Paddock & dintorni
organizzazione Motoclub della Superba



Tempo da gara ciclistica di Fantozzi per il terzo appuntamento del Masters Beta.

Al Pro Park di Ceranesi si sono alternati sole, pioggia e nebbia in un’insolita giornata di Giugno.

L’area trial ha ospitato una gara che ha segnato settanta partenti con un nutrito gruppo di giovanissimi in sella a mezzi monomarcia e Evo Junior, moto con ruote di diametro ridotto per adattarsi ai più piccoli.

L’apertura agli appassionati in possesso della tessera Member (di qualunque regione), unita ad una nuova formula d’iscrizione con un lasso di tempo maggiore per iscriversi e la possibilità di partire dalle 9:30 alle 12, si è rivelata una scelta vincente anche in questa occasione.

Partiti con un cielo livido, i piloti dopo circa un ora e mezza di gara sono stati inumiditi da un breve ma intenso scroscio di pioggia, un antipasto dei successivi che hanno in pochi minuti modificato completamente alcuni passaggi, mettendo a dura prova il fisico accaldato dopo l’avvio di gara.

Studiate per essere praticabili anche in caso di pioggia dal pool di tracciatori composto da Gianni Lancillo, Alberto Piombo, Massimo e Sergio Parodi, le zone subito hanno fatto segnare numerosi passaggi a zero, per poi diventare più selettive con la pioggia.

Posizione privilegiata per i giovanissimi della Juniores D e D1 i quali hanno affrontato cinque prove all’ingresso dell’area trial a pochi metri dalla partenza, qualche passo in più per seguire le otto prove dedicate ai TR e Juniores A, B e C.

Il maltempo ha messo il turbo ai piloti con molti che già alle 13:30 avevano chiuso le 24 sezioni in programma.

Tris per Sergio Piardi (41 pen e 6 bonus) del Motoclub Val Trompia Trial e Trofeo 2015 della classe regina TR2 prenotato per il giovane bresciano.

Bella la lotta per la vittoria quella di Piardi con Davide Delucchi (54 pen 7 bonus) del Team Pro Park, giovane pilota ligure che, dopo il primo giro conduceva con un punto.

Il sopraggiungere della pioggia ha reso le sezioni più pepate e Piardi, riuscendo a compiere la seconda tornata prima del diluvio, è riuscito a creare un cuscinetto di punti da Delucchi che gli hanno permesso di guidare con maggior tranquillità nell’ultimo terzo di gara.

Unico TR2 in sella ad una 125, Marco Pedrinazzi del Team 3D ha sofferto in alcuni passaggi la ridotta cilindrata, 105 punti (nessun bonus) ed una gara affrontata per la maggior parte sotto la pioggia quella del lombardo.

Dopo il giro di boa Piardi conduce a punteggio pieno con 60 punti seguito da Pedrinazzi salito dal terzo al secondo posto a quota 47, terzo per Stefano Fiorini del motoclub Taro Trial con 41.


Dopo una vittoria ed un secondo posto a testa, al Pro Park era attesa la sfida tra i TR3 Fabio Clerico del Team Locca Miglio e Marco Bosio del Motoclub Gentlemens.

Partiti entrambi a razzo per affrontare il maggior numero di sezioni prima dell’annunciato arrivo della pioggia, Clerico ha consegnato un cartellino con 10 punti contro i 13 dell’avversario.

Nella tornata centrale però la pioggia è arrivata puntuale e Bosio si è ritrovato nel pieno del temporale alla zona 5, al terzo passaggio il terreno viscido ha visto salire i punteggi e tra i due contendenti si è inserito l’esperto Paolo “Bobo” Lazzaroni del Team Pro Park.

Così a fine giornata la vittoria è andata al portacolori del Team Locca Miglio con 27 punti e 12 passaggi no stop, argento per Lazzaroni con 32 penalità e 13 bonus, mentre Bosio si è dovuto accontentare del bronzo con 52 punti scontati di 6 bonus.

Clerico in vantaggio ora di tre lunghezze su Bosio (57 a 54) con Maurizio Diemmi del Motoclub Crociati Parma (recordman di passaggi no stop in questa gara) a 14 punti dal leader nella graduatoria generale della TR3.


Ferito nell’orgoglio dopo la sconfitta di Mezzana Mortigliengo, Roberto Prina (AMC Gentlemens -8 pt. e 21 bonus) ha voluto rispondere agli avversari della TR4 tornando sul gradino più alto del podio.

Partito con 4 punti, nella tornata centrale il piemontese ha fatto seguire il giro perfetto e sotto il diluvio ha commesso solo nove errori.

Marco Quartagno del Team Motomania ha lottato per due terzi di gara (0 e 4 i suoi punteggi) per poi cedere con la pioggia, terminando comunque 21 sezioni senza fermarsi e -1 come totale.

Sorpresa di giornata è il giovanissimo Luca Leonelli (3 pt. e 18 bonus) del motoclub la Stalla di Imola, terzo al Pro Park e settimo nella generale dopo le prime due prove, con questo risultato sale al quarto.

Guadagna 7 punti e porta a +12 il vantaggio nella generale da Mauro Girello del Motoclub Val Varaita Roberto Prina, con Quartagno che sale ora al terzo posto con 37.


Terzo successo per Sara Rivera nella FEMMINILE, classe dominata dalle ragazze del Motoclub della Superba.

la genovese ha sfruttato il notevole bagaglio d’esperienza per vincere di misura sulla quattordicenne Alex Brancati che, ha optato maggiormente per la fermata (11 e 9 i passaggi rispettivamente), 46 a 49 il risultato finale.

Migliora con la pioggia invece Eleonora Marrè (57 pt. e 8 bonus), autrice del miglior score personale  di giornata sotto il diluvio con 19 penalità.
Graduatoria di Trofeo immutata con Sara tabella rossa, Eleonora a 9 lunghezze e Micol Bettinotti sempre del motoclub della Superba a 30.


Ormai rassegnati i partecipanti della TR5, sicuri del successo di Vittorio Rolandi in sella alla Evo 4 Tempi.

Una nuova cavalcata per il portacolori del Motoclub Stresa, capace anche in questa occasione di raccogliere i 24 bonus a disposizione, il quale paga 4 penalità nella tornata centrale.

Propulsore con alimentazione a benzina anche per Andrea Rebez  del motoclub Trieste, autore di 23 passaggi no stop con score finale di -13.
Ventidue sezioni condotte con tecnica no stop e -11 punti per Andrea Scaciga del Domo ’70 numero tre di giornata.

Altri cinque punti guadagnati sui diretti inseguitori Antonio Orbaniello (Mc Giaveno) e Scaciga per Rolandi ora con 15 punti di vantaggio.


Percorso verde per gli JUNIORES A Fabio Grattarola e Federico Strocchio entrambi iscritti al Motoclub della Superba.

Quattro passaggi no stop per Grattarola ed uno score di 94 punti gli permettono di superare Strocchio, il quale ottiene due bonus e 110 come totale.


Passaggi in comune con i Tr4 per la JUNIORES B dove a contendersi la vittoria sono stati Cristiano Lelli del Motoclub Taro Trial e Matteo Marenghi del Rio Lanza.

Leadership iniziale per il lombardo con a due lunghezze l’emiliano, il sopraggiungere della pioggia ha ribaltato il risultato con Marenghi partito dopo l’avversario , ritrovatosi nel pieno del temporale già nel corso delle prime zone della tornata centrale.

Generale fotocopia del podio odierno con Lelli leader a 60 e Marenghi, salito nella Juniores B dopo la prova inaugurale con 34.


Nella JUNIORES C “Un gli interessa” al fiorentino del Team Centro Italia Tommaso Laghi se c’è il sole o piove!

Il pilota di Scandicci prosegue la sua corsa al titolo a punteggio pieno, migliorandosi addirittura sotto la pioggia ed ottenendo un risultato che lo avrebbe visto al quarto posto della Tr5, con 21 passaggi no stop e un totale di -7.

Nulla può fare contro lo strapotere di Laghi, Salvatore Scopelliti del Team Pro Park, il quale sconta 14 punti terminando a 52.

Dopo tre appuntamenti Laghi ha un vantaggio di 30 punti su Scopelliti e 32 su Mattia Piana del Team Locca Miglio.


Avvincente avvio di gara nella JUNIORES D con Simone Lissa (0 pt. e 13 bonus) supportato dal Team Locca Miglio tallonato da Federico Bergamasco (16 pt. e 12 bonus) del Motoclub della Superba.

Con l’arrivo della pioggia il piemontese sfrutta la maggior esperienza proseguendo su parziali simili al giro inaugurale (3 – 4 e 6) mentre il genovese peggiora (4 – 10 – 12).


Compagno d’allenamento di Laghi, Matteo Vegni del Motoclub AM Colli Fiorentini vince la JUNIORES D1 davanti al genovese Federico Delfino, iscritto al motoclub organizzatore, 24 e 7 bonus per il toscano mentre 62 lo score del ligure.

Ricca premiazione finale con l’estrazione di premi messi in palio dai supporter del Trofeo Masters Beta 2015.

Prossimo appuntamento ad Arnad il 13 Settembre.


Foto e testo Christian Valeri


CLASSIFICHE

 
 

Paddock e dintorni

Ampia l’area trial del Pro Park (180000 mq in totale comprensivi di area enduro e cross) dove il Motoclub della Superba ha preparato le otto sezioni e le cinque dei giovani Juniores D e D1.

 
 

Utilissimi per proteggersi dalla pioggia le quattro tende e le tre strutture che hanno accolto i presenti alla manifestazione.

 
 

Ritorno ai furgoni con le mani occupate per gli iscritti al Trofeo, al Pro Park sono stati consegnate giacche, polo, felpe Beta Racing e il kit lubrificanti Liqui Moly.

 
 

Presente l’assistenza beta curata dal tecnico Niccolò Funaioli, impegnato soprattutto nel pre gara.

 
 

Non manca la passione e la voglia di macinare chilometri a Marino Fontanot ed Andrea Rebez, triestini impegnati rispettivamente nella Vintage e Tr5, al Pro Park un successo ed un secondo posto sono stati il bottino dei friulani.

 
 

Foto di gruppo per gli Juniores D e D1.

 
 

“Sorrido anche se piove”, così Andrea Scaciga ha affrontato il passaggio d’ingresso della zona cinque al terzo giro.

 
 

Per dare un idea di come sono cambiate le condizioni meteo, vi presentiamo lo stesso passaggio prima e durante il diluvio.  

 
 

Un vero torrente quello creatosi con l’acqua piovana, il commento di una spettatrice è stato “Ora capisco come fanno ad essere così violente le alluvioni a Genova!”

 
 

Ricca premiazione con pioggia e nebbia a fine giornata.

 
 

Dopo la consegna delle coppe è seguita l’estrazione di prodotti offerti dagli sponsor OJC, Liqui Moly, Pastificio Valle Scrivia, OMP e occhiali e T Shirt Beta.

 
 

Ho le gambe lunghe e toccavo sempre lì, così ho spostato il blocchetto elettrico più in alto, questa la modifica effettuata da Francesco Pansa alla sua Evo.

 
 

Ingresso spettacolare per Sergio Piardi alla zona 5.

 
 

Graditi dai piloti gli spettatori con l’ombrello che, in attesa di entrare in zona hanno offerto asilo per qualche minuto.

 
 

Lo sport è divertimento ed anche ironia, un gruppo di appassionati giocando sulle primavere passate unendo il termine geriatrico a trial ha istituito il “GeriaTrial Group Rapallo”.

 
 

Cinque le Beta storiche in gara, la più longeva la Tr32 di Euro Guermandi, mentre per gli altri Tr34 Replica 1988 per Marino Fontanot e Tr 34 Campionato 1989 per Franco Pesce, Luca De Leonardis e Valerio Battistini.

 
 

Lancio finale di gadget beta con i giovanissimi in prima linea pronti ad afferrarli.  

 
 

Insolito taglio di capelli per Berto, papà di Micol Bettinotti, in poche settimane una crescita miracolosa…

Ci vediamo ad Arnad il 13 Settembre ma.... CONTINUATE A SEGUIRCI!!!!

 
 


 
Torna ai contenuti | Torna al menu